top of page

Tre inediti di Ksenja Laginja

Chiamali ancora per nome

quello imposto a mani feconde,

l'inverno conquisterà tutto

compresa la terra

e i piedi che l'attraversano

così ti chiedo una preghiera

per tutte le ombre orfane

dominate dal silenzio

ognuna a modo suo

chiede di restare.

 

***

 

Era già andato via

quando si ruppero le acque,

un campo non ha vincitori né vinti

contiene macerie e poco altro

ma l'acqua scorre attraverso le rovine

per farne nuova materia

fa ricrescere alberi e piante

ripristina la via che porta alla tana

raduna le bestiole in piccoli gruppi

e le porta al macello.

 

***

 

Giunse così il momento

quello rimandato

a data da destinarsi

posticipato a lungo.

 

Vieni più vicino

l'eredità si trasmette 

sottovoce

  

Ksenja Laginja (Genova, 1981) vive e lavora tra Genova e Roma dove alterna alla sua attività letteraria una ricerca sull’illustrazione legata al mondo del Fantastico. Nel 2005 ha esordito con la silloge Smokers die younger (Annexia edizioni). Finalista al Premio Ossi di Seppia (XX edizione, 2014), nel 2015 ha pubblicato Praticare la notte (Ladolfi Editore, 2015), nel 2016 vince il concorso Zenit Poesia vol.2 (La Vita Felice edizioni), nel 2020 il premio Europa in Versi e Arcipelago Itaca, nella sezione inediti. Co-organizza la rassegna di poesia e musica elettronica Poéme électronique e collabora con Kipple Officina Libraria. Suoi testi sono presenti su antologie poetiche, blog (InternoPoesia, Poesia del nostro tempo, Poetarum Silva, Versante Ripido, La rosa in più, La Recherche, Critica impura, Via delle belle donne, Bibbia d’Asfalto, ecc) e riviste letterarie.

Tra le pubblicazioni antologiche: Maternità Marina (Terra d'ulivi edizioni, 2020), Genova Omaggio in versi (Bertoni editore, 2019), La prima frontiera (Kipple Officina Libraria, 2019), Il corpo, l'Eros (Ladolfi editore, 2018), Aleppo c'è (Kipple Officina Libraria, 2017), ZENIT POESIA vol.2 (La vita felice, 2016), Genova canta il tuo canto (Zona Editrice, 2015), BdA n.4 (Matisklo Edizioni, 2015), R.I.P. Read in peace (Matisklo Edizioni, 2014); La stanza clandestina (WSF, 2013); Delle foglie e dei tagli: Erinni di terra (WSF, 2012); Pastiche rivista (2012); Corpi che amano (Maldoror Press, 2011); C’era (quasi) una volta in Liguria (Edizioni Zem, 2011); L’Artigiano Innamorato (Erga edizioni, 2011); La stanza delle memorie (Liberodiscrivere, 2010); Tavole di resistenza (Tunué, 2009); Ctonia - Rivista di cultura inferiore (Ctonia, 2008); Genovainedita (Galata edizioni, 2007); Prospektiva n. 31 (2005); I colori dell'emozione di Roberto Cafarotti – catalogo di pittura (2003).

bottom of page